Monterosso

Pentax Digital Camera

Monterosso, (anticamente mons ruber) è storicamente il più antico e popoloso borgo delle Cinque Terre, come documentano le fonti storiche. I documenti medievali infatti citano l’esistenza di Monterosso, delle sue fortificazioni e della sua chiesa parrocchiale prima degli altri quattro borghi (Vernazza, Corniglia, Manarola, Riomaggiore). Si trova nella parte più occidentale del Parco Nazionale delle Cinque terre, proprio a ridosso del promontorio roccioso di Punta Mesco, ed è collegato dalla rete sentieristica e ferroviaria ai vicini borghi di Vernazza e Levanto.

Monterosso, La chiesa di San Giovanni

Monterosso, La chiesa di San Giovanni

L’abitato di Monterosso è oggi diviso in due quartieri separati da uno sperone roccioso (attraversato da una galleria pedonale) sormontato dalla possente Torre Aurora e dalla collina dei Cappuccini sulla quale sorge il convento francescano: da un lato il piccolo borgo storico, rivolto ad est proprio di fronte al piccolo porto turistico, dominato dai ruderi dell’antico castello e caratterizzato dagli stretti vicoli di origine medievale al cui centro sorgono la Chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista e l’oratorio Mortis et Orationis (oratorio della Confraternita dei Neri).

La Spiaggia di Fegìna (Fotocredit www.fotoeweb.it)

La Spiaggia di Fegìna (Fotocredit www.fotoeweb.it)

Ad ovest si trova invece la zona più recente dell’abitato, detta Fegìna: questo quartiere, insolitamente ampio e spazioso per le Cinque Terre, si è sviluppato nell’800 grazie al turismo e oggi  è caratterizzato oggi da una lunga passeggiata distesa fra i binari della ferrovia e il lungomare, tra alberghi, ristoranti, stabilimenti balneari e negozi di prodotti tipici.

Alla fine della lunga spiaggia di Monterosso, sui primi scogli che salgono verso il promontorio di Punta Mesco, svetta la celebre statua del Gigante, alta 14 metri e realizzata nel 1910.

Da non perdere:

Villa Montale: in questa Villa Liberty (oggi trasformata in una struttura ricettiva) Eugenio Montale, premio Nobel per la Letteratura, trascorreva le sue vacanze estive con la famiglia. Il legame tra Montale e le Cinque Terre è profondo e si riflette in moltissime delle sue poesie, molte delle quali  (i LimoniLa casa dei doganieriPunta del Mesco).

Il Convento dei Cappuccini

La Chiesa di San Giovanni Evangelista

L’oratorio dei Neri – Oratorio Mortis et orationis

La Statue del Gigante

Il Santuario di Nostra Signora di Soviore: (sito ufficiale)

Itinerari guidati:

Statua di san Francesco, Monterosso (foto Amalaspezia.eu)

Statua di san Francesco, Monterosso (foto Amalaspezia.eu)

Monterosso – Guida turistica Monterosso – Guide Turistiche Cinque Terre

Inviateci la vostra richiesta e realizzaremo la visita guidata alle 5 Terre e nella Provincia di La Spezia su misura per voi!