Luni Splendida Civitas

Visita guidata all’area archeologica dell’antica città romana di Luni

LUNI 2 anfiteatro drone

Se tu riguardi Luni e Urbisaglia
come sono ite, e come se ne vanno
di retro ad esse Chiusi e Sinigaglia,
udir come le schiatte si disfanno
non ti parrà nova cosa né forte,
poscia che le cittadi termine hanno.
(Dante Alighieri, Divina Commedia, Paradiso, XVI, 73-79)

Le rovine di Luni si trovano oggi a breve distanza dalla foce del fiume Magra, al confine tra Liguria di levante e alta Toscana: la colonia romana fu fondata nell’anno 177 a.C. dai romani dopo la vittoria della lunga guerra contro i Liguri Apuani e fu per secoli una città ricca e prospera, grazie soprattutto alla posizione strategica del suo porto, importantissimo scalo mercantile e punto di imbarco dei preziosi marmi provenienti dalle cave delle Alpi Apuane, tanto da essere definita ancora nel V secolo d.C. “la Splendida Civitas”, “la splendente sorella del sole”.

Un lento ma inesorabile declino portò Luni alla decadenza e, nel corso del Medioevo, la città fu completamente abbandonata.
Dopo secoli di saccheggi e scavi irregolari, oggi Luni è la più grande area archeologica romana del Nord Italia.

Oggi in questo grande sito archeologico compreso fra la foce del Magra, il mare e le colline della Lunigiana è possibile ripercorrere le vicende di questa gloriosa città e ammirarne i resti, sfuggiti allo scorrere del tempo e ai tanti “saccheggi” antichi e recenti.

L’itinerario si concentra sulle aree più significative di quella che un tempo era la colonia romana:  il Museo Archeologico Nazionale che conserva i numerosi reperti recuperati durante le campagne di scavo: dalle sculture in marmo alle ceramiche, dagli oggetti in vetro alle lucerne, dagli utensili alle monete.
All’esterno del Museo sono ancora riconoscibili il Foro, il Capitolium, il basamento del Grande tempio dedicato alla Dea Luna-Diana; vicino ai luoghi più significativi dell’antica città romana sorgono le sezioni museali dedicate ad affreschi e mosaici che ornavano le ricche abitazioni cittadine (Domus dei Mosaici, Domus degli Affreschi, Domus di Oceano); ma il cuore della visita è oggi rappresentato dal grande ellisse dell’anfiteatro, ancora in buona parte conservato, al centro del quale è ancora possibile respirare l’atmosfera dei giochi e spettacoli dell’età imperiale.

Informazioni utili:

Mosaico Luni OceanoLa visita dell’area archeologica è adatta sia a gruppi organizzati sia a scolaresche di ogni ordine e grado, e può essere modulata in base alle esigenze e al tempo a disposizione

L’ingresso all’area archeologica è a pagamento per gli adulti, mentre è gratuita per le scuole.

Gli orari di apertura dell’anfiteatro possono variare a seconda della stagione e della disponibilità del personale del Museo.

Luni visita guidata – Turismo5terre

Inviateci la vostra richiesta e realizzaremo la visita guidata alle 5 Terre e nella Provincia di La Spezia su misura per voi!